Succedono tante cose nel corpo, mentre noi...

Le nostre offerte mensili

€ 14,50 € 11,60

€ 18,50 € 13,40

Succedono tante cose nel corpo, mentre noi dormiamo 11 Febbraio 2021

Fin dall'antichità, i misteri del sonno hanno affascinato poeti, artisti, filosofi, studiosi dei miti e letterati. Da una stima recente, risulta che oltre il 40% degli italiani soffre di disturbi del sonno, spesso non accertati. Sei sicuro/a di conoscere davvero ciò che succede all'organismo mentre dormi?

Durante la notte si verificano numerosi processi. Un buon sonno ristoratore è utile per ridurre lo stress, pulire il cervello, archiviare i dati, memorizzare dati ed esperienze.

Nella prima parte della notte e specialmente nello stadio di sonno profondo, l'organismo riduce la produzione di cortisolo, sostanza nota come "ormone dello stress".

Sempre nello stadio di sonno profondo "Non Rem" che il cervello elimina le sostanze di scarto che produce durante la veglia. Tra queste c'è anche la proteina beta-amiloide, che sembra rivestire un ruolo importante nella comparsa della malattia di Alzheimer.

Nel corso della notte avviene la selezione delle informazioni e dei ricordi acquisiti di giorno, e l'inserimento delle nozioni negli "scaffali" giusti della memoria, per poi essere ripescati e utilizzati quando occorre.

Caratterizzato dalla libera espressione degli istinti attraverso i sogni, il sonno Rem ricopre un ruolo importante nell'apprendimento, soprattutto nel rafforzamento della memoria procedurale, cioè la conoscenza di abilità, per esempio saper pedalare la bicicletta.

Le ore di sonno necessarie da adulto sono i media otto-nove, ma diminuiscono con l'avanzare dell'età. Il problema sorge quando si rompe l'equilibrio naturale tra sonno e veglia. Anche se ogni persona è diversa, tutti dovremmo cercare di mantenere uno stile di vita salutare, o meglio, è più corretto parlare di "igiene del sonno".

Se hai disturbi del sonno che ti rendono difficile la vita, puoi rivolgerti con fiducia al personale della nostra farmacia. Saremo lieti di offrirti le migliori soluzioni personalizzate per ogni tuo problema.

Ultime news
  • Pelle opaca e brufoli: i rimedi per eliminare le tossine dalla pelle

    13 Febbraio 2021

    Quando l'organismo è pieno di tossine, anche l'epidermide ne risente. Da rosea, la pelle del viso diventa pallida, spenta, e spesso si riempie i brufoletti. Per alcune persone è come un ritorno all'acne giovanile, e rappresenta motivo di disagio.

    Anche il freddo, il fumo e l'inquinamento atmosferico hanno l'effetto di spegnere la bellezza della pelle. Il motivo è semplice: il sangue, quando è carico di tossine, apporta meno ossigeno e nutrimento. Inoltre, l'alimentazione troppo grassa e calorica è povera di nutrienti benefici per l'epidermide.

    Per ripulire la pelle dalle scorie accumulate si deve aumentare l'apporto di liquidi, arrivando ad introdurre due litri al giorno. Se si beve molto, si aumenta la diuresi, eliminando con le urine le tossine e le sostanze chimiche che inquinano il sangue.

    Bevendo di più anche la pelle traspira, eliminando così gli inquinanti. Cosa è meglio scegliere? Oltre alla semplice acqua, è ottimo il thè verde che ha spiccate proprietà diuretiche, depurative e antiossidanti, a vantaggio di una pelle visibilmente luminosa e più tonica.

    Per eliminare l'opacità dell'epidermide e prevenire la formazione di brufoli è indispensabile fornire all'organismo il giusto apporto di vitamine, soprattutto la vitamina A, C ed E, che svolgono una potente azione antiossidante e protettiva.

    La vitamina A (detta anche retinolo) protegge la cute dai raggi Uv, favorendone la rigenerazione e mantenendola morbida.

    La vitamina C combatte l'invecchiamento e stimola la produzione di fibre di collagene. Infine, la E ha un'azione antiossidante contro i danni provocati da fumo ed inquinamento.

    Se vuoi un consiglio su quali prodotti scegliere per avere una pelle più tonica e luminosa non esitare a rivolgerti allo staff del nostro reparto Cosmesi.

  • Succedono tante cose nel corpo, mentre noi dormiamo

    11 Febbraio 2021

    Fin dall'antichità, i misteri del sonno hanno affascinato poeti, artisti, filosofi, studiosi dei miti e letterati. Da una stima recente, risulta che oltre il 40% degli italiani soffre di disturbi del sonno, spesso non accertati. Sei sicuro/a di conoscere davvero ciò che succede all'organismo mentre dormi?

    Durante la notte si verificano numerosi processi. Un buon sonno ristoratore è utile per ridurre lo stress, pulire il cervello, archiviare i dati, memorizzare dati ed esperienze.

    Nella prima parte della notte e specialmente nello stadio di sonno profondo, l'organismo riduce la produzione di cortisolo, sostanza nota come "ormone dello stress".

    Sempre nello stadio di sonno profondo "Non Rem" che il cervello elimina le sostanze di scarto che produce durante la veglia. Tra queste c'è anche la proteina beta-amiloide, che sembra rivestire un ruolo importante nella comparsa della malattia di Alzheimer.

    Nel corso della notte avviene la selezione delle informazioni e dei ricordi acquisiti di giorno, e l'inserimento delle nozioni negli "scaffali" giusti della memoria, per poi essere ripescati e utilizzati quando occorre.

    Caratterizzato dalla libera espressione degli istinti attraverso i sogni, il sonno Rem ricopre un ruolo importante nell'apprendimento, soprattutto nel rafforzamento della memoria procedurale, cioè la conoscenza di abilità, per esempio saper pedalare la bicicletta.

    Le ore di sonno necessarie da adulto sono i media otto-nove, ma diminuiscono con l'avanzare dell'età. Il problema sorge quando si rompe l'equilibrio naturale tra sonno e veglia. Anche se ogni persona è diversa, tutti dovremmo cercare di mantenere uno stile di vita salutare, o meglio, è più corretto parlare di "igiene del sonno".

    Se hai disturbi del sonno che ti rendono difficile la vita, puoi rivolgerti con fiducia al personale della nostra farmacia. Saremo lieti di offrirti le migliori soluzioni personalizzate per ogni tuo problema.

  • Bambini: difese immunitarie forti sin dalla nascita

    09 Febbraio 2021

    Quando si parla di sistema immunitario, anche nei bambini, si fa riferimento ad alcuni elementi come le vitamine, l'energia, gli anticorpi. La loro produzione dipende dal microbiota, che è l'insieme dei microrganismi che popola il tratto digerente, in particolare l'intestino.

    Oltre mille miliardi virus, batteri, protozoi, funghi, comunicano tra loro agendo come un organismo unico, indispensabile per una crescita corretta e sana.

    Alcuni recenti studi hanno evidenziato che i bambini fortemente allergici hanno popolazioni ridotte di "Lattobacilli", e che ad una colonizzazione dell'intestino da parte di "Clostridium difficile" è associata a dermatite atopica e asma nei primi sei anni di vita.

    La formazione del microbiota comincia subito dopo la nascita, con il passaggio del neonato dal canale del parto, e intorno ai tre anni è simile in tutto a quello di un adulto.

    Per la composizione del microbiota l'allattamento al seno è cruciale, per questo molti pediatri insistono sull'importanza di allungare i tempi dell'allattamento al fine di rafforzare il sistema immunitario dei bambini.

    Infatti, i composti bioattivi presenti nel latte materno promuovono lo sviluppo di varie specie di "Bifidobacterium" essenziali per il suo equilibrio.

    C'è poi un secondo momento importante nella vita di un bambino, ed è quello dello svezzamento.

    In questa fase una dieta ricca di verdura, frutta e cereali integrali garantisce un elevato apporto di fibre, che favoriscono la massima diversità (e ricchezza) del microbiota.

    I cibi da privilegiare durante lo svezzamento sono: olio extravergine di oliva, broccoli, cardi, cipolle, carote, cavoli neri, frutta, finocchi, cicoria, melenzane, radicchio, carciofi.

    Anche lo yogurt è ottimo: la fermentazione acida, ottenuta aggiungendo al latte i microrganismi "Lactobacillus bulgaricus" e "Streptococcus termophilus", contrasta la colonizzazione del microbiota da parte dei patogeni.

    Nella nostra farmacia trovi gli alimenti e i prodotti più adatti per il tuo bambino, dalla nascita allo svezzamento.

Rubriche
  • CEREALI INTEGRALI, VERDURE E LEGUMI PER GLI SPORTIVI

    19 Gennaio 2022

    La maggior parte delle persone che praticano sport, sono l'espressione del benessere, della buona salute e possono vantare un bel fisico tonico e asciutto. Gli sportivi non vanno invidiati, ma al contrario, vanno ammirati, perché per raggiungere tali obbiettivi si applicano con costanza, si allenano in modo regolare, fanno tanti sacrifici e per il loro impegno, si meritano un "applauso".

    Ma come ben sappiamo, lo sportivo è un essere umano e commettere errori è nella natura umana e a volte, anche l'atleta può sbagliare. Come abbiamo ripetuto in più situazioni, l'alimentazione per lo sportivo è molto importante, perché più sarà sana ed equilibrata e migliori saranno i risultati, permettendo all'organismo di rimanere in buona salute. In questa nuova guida sportiva parliamo di alimentazione e di quanto sia fondamentale, consumare determinali alimenti.

    Benissimo, nell'alimentazione dello sportivo non devono mai mancare:

    i cereali integrali, il riso il pane, la pasta, perché sono ricchi di fibre, zinco e vitamine appartenenti al gruppo B.

    le verdure, sono particolarmente indicate quelle di colore verde, rosso, arancio e giallo. Proteggono l'organismo dallo stress e anche, da quello che viene causato dagli intesi sforzi fisici.

    i legumi, sono ricchi di carboidrati complessi, fibre, ferro, calcio e vitamine del gruppo B.

    la frutta, le vitamine e soprattutto la C, sono un ottimo sostegno per l'organismo.

    la vitamina B12, svolgono la funzione di un integratore, ma naturale. Si trova maggiormente, nel latte di soia e di riso.

    Naturalmente, gli alimenti che vedete elencati in questa lista, devono essere consumati con un tipo di cottura sana e poco condimento. Ricordate di associare a questi alimenti, il riposo, perché una potente arma che vi garantisce il giusto recupero fisico.

    Cari amici sportivi, a questo punto non vi resta che prestare attenzione e non far mai mancare, questi alimenti nella vostra alimentazione.

    Buon allenamento.

  • I CIBI AFRODISIACI

    12 Gennaio 2022

    I ritmi frenetici, che ci regala la vita, ogni giorno sono devastanti e, purtroppo influiscono creando stress a livello fisico e mentale. Tutto questo fa perdere la calma, aumenta la confusione, crea problemi a carico della salute e diminuisce drasticamente, l'appetito sessuale. In questo nuovo manuale oggi parliamo proprio di questo, perché avere una vita sessuale attiva, aiuta l'organismo a stare meglio fisicamente e mentalmente.

    Per risvegliare l'appetito sessuale, bisogna, mangiare determinati alimenti che influiscono risvegliando il desiderio, riaccendendo la passione e le migliorando notevolmente le prestazioni.

    Vediamo una lista di alimenti considerati afrodisiaci...

    Il peperoncino

    La maca o ginseng peruviano

    Il ginseng

    Lo zenzero

    Gli asparagi , particolarmente indicati per il sesso maschile

    Le mandorle, particolarmente indicate per il sesso femminile

    Il cioccolato extra fondente

    La liquirizia

    La banana

    I semi di zucca

    Tutti questi alimenti elencati, vanno a stimolare la circolazione sanguigna, aumentando la temperatura corporea in modo graduale dirigendosi nella direzione degli organi sessuali. Studi effettuati di recente hanno dimostrato, che consumare giornalmente alcuni di questi cibi scegliendo il proprio preferito tra quelli appena elencati donano un'energia pura all'organismo. Questi cibi di conseguenza influiscono, migliorando la prestazione sessuale e il grado di eccitazione.

    Inoltre dovete sapere, che il sesso tiene lontano il mal di testa, riduce e combattere lo stress, brucia i grassi aiutando a perdere peso, mette di buonumore, rende esteticamente più belli, contrasta la stanchezza. In poche parole tutto il fisico, riceverà solo vantaggi benefici.

    Allora se avete perfettamente compreso, l'importanza di fare sesso con regolarità e lo praticate con il vostro partner, nel modo sano e corretto con l'alimentazione afrodisiaca, vedrete che non avrete bisogno di altro. Ogni volta lo vivrete in modo indimenticabile con tanta passione.

    Se pensate che ne valga la pena e l'idea vi possa stuzzicare, non aspettate, ma agite riaccendendo il desiderio sessuale, in modo semplice e naturale con gli alimenti afrodisiaci...

  • COME PREVENIRE LA FORMAZIONE DELL´ACIDO LATTICO

    05 Gennaio 2022

    Lo sportivo è sempre impegnato ad allenarsi, ma come tutti gli esseri umani è predisposto a commettere errori e con molta facilità e ogni tanto gli può capitare di perdere il controllo della situazione. Impegnarsi nello sport, fa bene alla salute dell'organismo, mantiene il corpo in buona forma fisica e anche a livello psicologico, si riscontrano tantissimi benefici. Ma in tutti questi benefici, che lo sport dona al nostro organismo, ci sono anche dei nemici e uno di questi si chiama acido lattico.

    L'acido lattico, infatti compare quando si svolge un tipo di allenamento sportivo troppo intenso e faticoso. Questa sostanza, purtroppo si accumula nei muscoli e nel sangue. Nell'atleta può causare diversi problemi, che interferiscono negativamente e possono portare ad abbandonare ogni tipo di allenamento e in casi più gravi, può diventare un fattore di alto rischio per gli infortuni.

    Per prevenire la formazione dell'acido lattico, bisogna allenarsi correttamente, occorre una buona preparazione atletica e nel momento in cui il senso di affaticamento diventa insopportabile, occorre fermarsi e recuperare la giusta quantità di energia. Curare l'alimentazione è fondamentale, deve essere sana, equilibrata e la vitamina A e C, non devono essere mai carenti. In più, non dimenticate mai, di attribuire il giusto valore al riposo notturno, perché aiuta voi e tutto il vostro organismo a ricaricarsi per affrontare correttamente, il giorno seguente.

    Il benessere fisico non è un privilegio, ma dipende da ognuno di noi. Quando davanti ai vostri occhi, vi ponete un obbiettivo, fate del tutto per raggiungerlo, ma scegliete valide ed efficaci scorciatoie, che non vadano a danneggiare il vostro organismo. Questo che vi stiamo dicendo vale per la vita, ma anche per chi pratica sport, in tutte le sue sfaccettature (agonistico, amatoriale e per rimanere semplicemente in buona forma fisica).

    Imparate a gestire correttamente, i vostri allenamenti e vi proteggerete da fastidiosi problemi.

    Buon allenamento.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.
I cookie sono piccoli file di testo che possono essere utilizzati dai siti web per rendere più efficiente l'esperienza per l'utente.

La legge afferma che possiamo memorizzare i cookie sul tuo dispositivo se sono strettamente necessari per il funzionamento di questo sito. Per tutti gli altri tipi di cookie ci serve il tuo permesso.

Questo sito utilizza diversi tipi di cookie. Alcuni cookie sono posti da servizi di terzi che compaiono sulle nostre pagine.

I cookie necessari aiutano a contribuire a rendere fruibile un sito web abilitando le funzioni di base come la navigazione della pagina e l'accesso alle aree protette del sito. Il sito web non può funzionare correttamente senza questi cookie.
I cookie per le preferenze consentono a un sito web di ricordare le informazioni che influenzano il modo in cui il sito si comporta o si presenta, come la lingua preferita o la regione che ti trovi
I cookie statistici aiutano i proprietari del sito web a capire come i visitatori interagiscono con i siti raccogliendo e trasmettendo informazioni in forma anonima.
I cookie per il marketing vengono utilizzati per monitorare i visitatori nei siti web. L'intento è quello di visualizzare annunci pertinenti e coinvolgenti per il singolo utente e quindi quelli di maggior valore per gli editori e gli inserzionisti terzi.
I cookie non classificati sono i cookie che sono in fase di classificazione, insieme ai fornitori di cookie individuali.